Google+
Facebook Twitter Gplus Flickr LinkedIn Google Maps E-mail RSS

IPNOSI

Nel 1960 Franco Granone (1911-2000), neurologo all’Ospedale Civile di Vercelli, considerato il pioniere dell’ipnosi in Italia, definiva l’ipnosi come “una condizione psico-fisica che implica un particolare stato di coscienza durante il quale si realizza un legame speciale con l’ipnotista, mettendolo in grado di influire sulle condizioni psichiche, somatiche, viscerali, neurologiche e comportamentali del soggetto”.

Un’altra definizione pratica è quella del professor Daniel P. Kohen: “L’ipnosi è uno stato di coscienza alternativo, spontaneo o indotto, con o senza rilassamento, in cui un individuo sviluppa una concentrazione focalizzata su uno scopo o immagine, con l’obbiettivo di massimizzare le proprie risorse e ridurre o risolvere i propri problemi, cambiare un comportamento, ridurre lo stress”.

Per Milton Hyland Erickson (1901-1980), il famoso psichiatra fondatore dell’ ipnosi moderna, l’ipnosi non è altro che una condizione naturale che si verifica spontaneamente in diversi momenti della vita quotidiana (Common everyday trance, Haley 1978) e che può essere indotta nel pieno rispetto delle esigenze e delle capacità della persona.

L’Ipnosi é quindi una procedura durante la quale lo psicoterapeuta suggerisce che il paziente faccia esperienza di cambiamenti nelle sensazioni, percezioni, pensieri e/o comportamenti.

clicca per attivare

clicca per attivare