NekNominate

Questo è il nome dato alla moda del momento nata sui social network e che consiste nel bere quantità devastanti di alcol (e non solo) per poi pubblicare il video della prodezza on-line (FaceBook; YouTube…). Sono già diverse le vittime di questo assurdo gioco e nonostante ciò, questa moda sta sbarcando anche in Italia e naturalmente a San Marino.

Ma quale il motivo di questa scelta? Sfida? Protesta? Mancanza di riferimenti? Dimostrazione di virilità? Assenza di controlli? Bisogno di approvazione?

E’ normale che nel periodo dell’adolescenza (e oggi anche qualche anno dopo) sia presente una ricerca di emersione ed individualizzazione, che però deve per definizione passare attraverso l’approvazione degli altri. Gli amici, i genitori, i professori, le istituzioni, hanno tutti un ruolo fondamentale in questo percorso, ma troppo spesso non si è in grado di fare quello che si dovrebbe deresponsabilizzandosi, passando la “patata bollente” ad altri. Allora i social network diventano il luogo in cui trovare stimoli ed ideali, potendo però più facilmente incappare in proposte non proprio educative ed evolutive. Un esmpio dato dal fatto che gli esperti hanno lanciato l’allarme su quasta nuova tendenza affermando essere molto pericolosa, ma la rete non ha regole e i giovani continuano a sfidarsi. Non bastasse, i viedeo di ragazzi poi deceduti in seguito alla bravata, sono quelli che fanno più audience e in quanto condivisi ed apprezzati da migliaia di ‘like’, sono anche quelli contornati da banner e spot pubblicitari.

Oggi gli strumenti ci sono e sono a disposizione di tutti, ma forse dovrebbe aumentare l’attenzione sul loro utilizzo e questo passa sicuramente il primo luogo attraverso l’esempio dato dagli adulti.

Per maggiori informazioni

roberto.ercolani@psicologoweb.net

0549.887412 – 349.3520327

 

Lascia un commento

Follow by Email
YouTube
LinkedIn
Share
Telegram