Non ce la faccio più

Le persone che soffrono di una sintomatologia depressiva sono tante, sfortunatamente ancor di più sono coloro che la “nascondono” dietro una maschera di finta spensieratezza.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i depressi conclamati nel mondo si avvicinano all’inquietante cifra del mezzo miliardo di persone, ma questo dato non tiene conto del numero oscuro di chi ancora non lo sa o non lo vuole sapere.

Un episodio depressivo può essere causato da un lutto complicato, da difficoltà relazionali, da problemi finanziari, o da cambiamenti importanti della vita quotidiana.

Le donne sono più esposte alla depressione con una frequenza circa doppia rispetto agli uomini, a causa di fattori prevalentemente ormonali.

Negli uomini la depressione è spesso mascherata da abuso di alcolici o droghe, gioco d’azzardo, dall’iperattività lavorativa. Tipicamente la depressione nell’uomo non si rivela come senso di mancanza di speranza, o di impossibilità di trovare aiuto, ma piuttosto nell’essere irritabile, arrabbiato e scoraggiato.

L’anziano poi, tende a mettere in primo piano i disturbi fisici, essendo piuttosto riluttante a parlare dei propri sentimenti di tristezza, quindi risulta eccessivamente lamentoso.

Accorgersi della sintomatologia depressiva, vuole dire impedire che la depressione cronicizzi impedendo di vivere appieno la propria vita. Per questo è bene imparare ad ascoltare i propri stati d’animo per essere in grado di vivere appieno le relazioni. Capire di avere un disagio, rappresenta il primo passo per affrontarlo e fare in modo di tornare a stare bene.

 

Per maggiori informazioni

roberto.ercolani@psicologoweb.net

0549.887412 – 349.3520327

 

Lascia un commento

Follow by Email
YouTube
LinkedIn
Share
Telegram