Cos’è la psicologia e perché andare dallo psicologo

escher optiarkvaraLo psicologo è quella preziosa risorsa che attraverso strumenti specifici (appresi con una lunga formazione) aiuta a superare i momenti di crisi che tutti possono incontrare: lutti, traumi, ansia, malesseri, tristezze, comportamenti disfunzionali, crisi, etc etc…

Non è facile andare dallo psicologo, poiché equivale a decidere di voler cambiare, ma proprio per questo, già dalle prime sedute si può essere in grado di predisporsi all’apertura di nuove possibilità e prospettive mentali. La crisi diviene così una grande occasione per cambiare in meglio la propria vita.

Affrontare un percorso psicologico significa quindi coltivare di più l’amore per se stessi e di riflesso per coloro che sono vicini.


La psicologia è la disciplina che studia il comportamento degli individui ed i loro processi mentali ovvero le dinamiche interne (processi cognitivi) e i rapporti che intercorrono tra gli stimoli percepiti e le risposte attivate (processi dinamici).
La psicologia scientifica, come oggi la conosciamo, ha poco più di un secolo di vita. Nasce con W. Wundt (1832-1920) che a metà dell’Ottocento si stacca dalla filosofia per aprirsi alle scienze naturali adottando criteri di sperimentazione e di quantificazione. Parallelamente F. Brentano sposta la psicologia sull’intenzionalità del soggetto.
Oggi studiando e analizzando l’esperienza e l’intenzionalità, e attraverso l’evoluzione del pensiero psicologico ottenute tramite autori quali S.Freud, C.Jung, M.Klein, O. Kernberg, R.Desoille, la psicologia può permettere al soggetto che chiede aiuto di affrontare il suo disagio e di tornare a stare bene attraverso il sostegno dello psicologo.